Blog

La fortuna dei fornitori di posta elettronica

Ultimamente immagino i vari fornitori di Posta elettronica, che sia gratuita (Gmail, Outlook, Yahoo, Libero) o a pagamento - non importa, che dalla loro scrivania guardano compiaciuti, le caselle email dei propri utenti gonfiarsi a più non posso.

La cosa potrebbe sembrare di poco conto ...tanto lo spazio non lo pago ... tanto ho 5GB (o 10GB o più) di spazio disponibile ...ma quando tutto va male o apro un'altra casella, o cancello la posta vecchia.

Certo, se l'email la utilizziamo per futili motivi, il problema non si pone neanche; ma se cominciamo ad utilizzarla per registrarci a Portali, Enti, Siti di servizi, o addirittura per lavoro, la scena cambia, e di molto anche.

Una casella di posta elettronica "piena", diventa ingestibile. Non si riesce più a ricevere né inviare nessun messaggio fino a che non la si svuota un po', oppure finché - rullo di tamburi - non si acquista altro spazio di archiviazione dai fornitori, ben lieti di accontentarci (in realtà ci sarebbe una soluzione informatica che indicato più giù).

Pensi che sia difficile oppure addirittura impossibile?

Ti assicuro che non è così.

Ricevo spesso nella mia email aziendale, documenti di poche pagine in PDF da 4-5MB ciascuno, oppure scansioni "fotografiche" fatte con la fotocamera dello smartphone.

Con la capacità degli smartphone odierni è semplice generare PDF dalla fotocamera; oppure scattare foto ed inviarle in pochi "touch" per email.
Il problema è che se tali funzioni non si fanno con una certa competenza, si andrà inevitabilmente incontro ai problemi sopra esposti.

In poco tempo si riempirà, sia la casella del mittente che quelle dei ricevente, per la gioia dei fornitori ;-).

Considera poi, che tutta quella montagna di email "online", ci lega indissolubilmente al fornitore del servizio, non avendone una copia "in casa", costringendoci a rinnovare l'abbonamento - ed accrescendolo semmai - anno dopo anno.

Esiste una soluzione a tutto ciò?

Soluzione informatica

Per svincolarci dai legacci dei Provider, oltre che essere consapevoli ed attenti a come "smanettiamo", possiamo adottare soluzioni professionali - che ho già testato - per l'archiviazione delle email "in casa" (o in ufficio), con software da installare presso la propria struttura.

Software che effettuano in automatico ed a orari programmati, il backup dei messaggi, di una o più caselle email, che permettono la consultazione degli stessi anche via web, e che ci consentono di liberare lo spazio dalla posta online.

<< Torna alla pagina precedente